martedì 28 ottobre 2014

Around the World Blog Hop

Non sono un'amante delle catene di Sant'Antonio, chi mi conosce lo sa, solitamente le stronco sul nascere. 
Questa però è diversa: non promette fortuna, denaro o di incontrare l'amore della tua vita. Tantomeno garantisce sfiga eterna a chi la volesse interrompere...e questo già mi pare carino.

Questa catena da la possibilità di conoscere tantissime creative di tutto il mondo, l'opportunità di vedere cose belle e sopratutto fatte a mano. Ecco, quello che mi piace di questa iniziativa, è che contribuisce a diffondere la cultura dell'handmade, nella quale credo fermamente. Quindi come potrei interrompere una cosa tanto bella? Iniziamo!

Perché faccio ciò che faccio?

Perché cucire mi piace da sempre. 
Poche cose mi danno la stessa emozione che mi da tenere tra le mani un pezzo di stoffa immaginando quello che potrebbe diventare; poche cose mi divertono quanto scegliere gli abbinamenti di colore per una copertina, per un paracolpi, per una borsa; poche cose mi rilassano come passare il tempo spulciando i miei negozi online preferiti, emettendo gridolini di gioia quando trovo nuove fantasie; e pochissime cose mi regalano la stessa soddisfazione di quando completo un progetto particolarmente impegnativo, specialmente se il progetto in questione è per altri, e il mio lavoro viene apprezzato davvero. 


A cosa sto lavorando?

Ehh...tasto dolente. Cento ne penso... Al momento sto preparando alcuni tutorial da postare qui, sul blog. Intanto sto prendendo quante più informazioni possibili riguardo Etsy, Miss Hobby e compagnia bella, perché mi piacerebbe davvero tanto aprire uno shop, ma l'impegno sarebbe grande e voglio essere sicura di fare la scelta giusta per me (a proposito, consigli?). 
Per casa nostra ho una lista quasi infinita di progetti che vorrei realizzare, ma credo che il primo che affronterò sarà una puff quilt per Viola, per la quale ho già la stoffa e non vedo l'ora di vederla finita sul suo lettino!
Adesso poi si avvicina il Natale, il periodo dell'anno che preferisco, quindi sto fondendo le mie bacheche su Pinterest a suon di pin :) 


Come funziona il mio processo creativo?

Le cose che faccio non nascono sempre allo stesso modo. A volte cucio per il desiderio di regalare qualcosa ad una persona cara, magari per un'occasione speciale come un compleanno o la nascita di un bambino. Oppure perché mi viene espressamente richiesto da altri. 
Una grandissima fonte di ispirazione per me sono le immagini che trovo su internet, non a caso Pinterest è in assoluto il mio social preferito, quello che visito ogni mattina davanti a un buon caffè e la sera nel lettone, prima di dormire.
Parto dall'idea, dall'ispirazione, a volte dalle stoffe che voglio utilizzare, e butto giù una bozza, un disegno. Poi passo alla fase pratica. A seconda del tipo di progetto, specialmente se è la prima volta che confeziono una cosa simile, è necessario fare una o più prove in teletta. Poi, raggiunto un risultato che mi soddisfi, lo realizzo con i tessuti prescelti.


In che modo il mio lavoro si differenzia da quello degli altri del suo genere?

Mi riallaccio alla domanda precedente, dove accennavo al fatto che una grandissima fonte di ispirazione per me è il web, per dire che anche se è vero che la maggior parte delle mie creazioni non è un'idea nata da me (di certo non ho inventato le giostrine con gli uccellini, né i paracolpi con le casette e tantomeno le copertine realizzate con la tecnica puff quilt, chiamata anche biscuit), di sicuro in tutto ciò che faccio ci sono io, con le mie idee, la mia passione, il mio amore per i dettagli e il desiderio di trasmettere l'amore per le cose fatte - come mi piace spesso ripetere - come una volta: con cura, pazienza e rigorosamente a mano.





Ringrazio tantissimo Manuela de La Soffitta dei Ghiri per avermi nominata, dandomi così la possibilità di parlarti un po' di me e di quello che faccio, e di consigliarti i blog di tre creative molto diverse tra loro, ma che adoro in egual modo! 
Dato che, come premesso a inizio post, non amo l'aspetto coercitivo delle catene di Sant'Antonio, le blogger che linkerò di seguito sono svincolate dal dover proseguire con questo Blog Hop. 
Le nomino semplicemente perché i loro blog mi tengono compagnia (da anni nel caso di quello di Federica ed Elena, di pochi mesi nel caso di Cecilia), hanno la capacità di risollevare l'umore delle mie giornate storte, e spero che facciano lo stesso effetto anche a te.

Federica di Countrykitty
Cecilia di Calligraphando

Accoccolati sul divano con una bella tazza di tè, fai loro una visita, e poi, se ti va, torna e scrivimi cosa ne pensi :)

Buona giornata!
F.

sabato 25 ottobre 2014

{Refashion} Un berretto in 15 minuti

Ciao!
Per questo post ho preparato un piccolo tutorial per mostrarti come realizzare un berrettino riutilizzando un vecchio top elasticizzato. 
Nell'ultimo post ho tentato di convertirti al cucito ho elencato alcuni dei motivi per cui, secondo me, sarebbe bello che tutti si approcciassero al cucito e ne imparassero almeno le basi. Oggi spero di darti uno spunto pratico, farti vedere che anche con pochissime conoscenze e poco tempo si può realizzare qualcosa di carino e utile.
Due giorni fa siamo passati da un'estate tardiva a un gelido autunno. Ci siamo svegliati al mattino con forti raffiche di vento gelato, di quelle che fanno venire subito mal di testa e orecchie rosse (rispettivamente a me e a mia figlia). Urgeva un berretto! Viste le temperature dell'ultimo periodo, mi ero ben guardata dal fare il cambio di stagione, e comunque Viola è cresciuta, quindi i cappellini dello scorso anno sono già archiviati insieme ai vestitini. Così sono andata a rovistare nei due contenitori dove conservo tutto l'abbigliamento che non usiamo più (per taglia o per gusti) ma che vorrei riutilizzare in qualche modo. Ho trovato un vecchio top in jersey di cotone elasticizzato (1): era perfetto, un tessuto morbido e leggero, ottimo per questi primi freddi.


Se, come me, non hai un berretto da cui riprendere il modello, per prima cosa hai bisogno di conoscere la circonferenza della testa (A) e la misura che va dall'attaccatura dei capelli alla base del cranio (B). Ho fatto un disegno veloce nella speranza di risultare più chiara. 



A questo punto si può procedere.

Ho piegato più o meno a metà il top, così da avere 4 strati di stoffa sovrapposti. Sulla piegatura ho misurato e segnato a matita due punti (foto 2, quelli rossi) distanti la metà della circonferenza A della testa, e dal centro mi sono alzata di poco più della metà della misura della nuca B (foto 2, punto verde). A mano libera (ma puoi aiutarti con qualcosa di tondo, ad esempio un piatto) ho disegnato con un lapis un semicerchio un po' allungato, unendo i tre punti. Con il cutter (ma puoi usare le forbici) ho tagliato lungo la linea (foto 3) tenendomi leggermente più larga per le cuciture (mezzo centimetro sarà più  che sufficiente). Infine ho tagliato via mezzo centimetro alla base, così da avere 4 pezzi di stoffa separati (foto 4).


Siccome il modello e la fantasia sono molto semplici, ho pensato di aggiungere un'applicazione, in questo caso un cuore. Ho tagliato un pezzetto di stoffa da ciò che rimaneva del top e vi ho stirato sopra un ritaglio di fliselina, per renderlo un pochino più sostenuto e facilitare così l'applicazione. Ho piegato a metà e disegnato mezzo cuore (foto 5 - da bimba a scuola facevo così, sennò mi venivano sempre i cuori tutti storti!!!), quindi ho tagliato con le forbici lungo la linea e ottenuto un bel cuoricino simmetrico :) (foto 6). L'ho appoggiato su uno dei pezzi del berretto, più o meno centrandolo, e cucito lungo il perimetro con un semplice punto dritto (foto 7 e 8).


A questo punto sono passata ad assemblare il berretto. Ho preso un altro pezzo e l'ho sovrapposto a quello con l'applicazione (foto 9 - N.B. nel mio caso la stoffa era identica da un lato e dall'altro, se usi una stoffa con il verso, questo passaggio va effettuato poggiando dritto contro dritto). Ho appuntato il perimetro con gli spilli (foto 10) e cucito con un punto dritto elastico (nella foto 11 puoi vedere le impostazioni sulla mia macchina. Se la tua non disponesse di un punto simile, puoi utilizzare un semplice zig-zag con una lunghezza di punto di 1/1,5) e cucito (foto 12).


Ho ripetuto l'operazione con i due pezzi restanti. Dopodiché ho infilato una metà del berretto dentro l'altra metà (foto 13), dritto contro dritto e prendendo come punto di riferimento le cuciture, ho appuntato con gli spilli (foto 14). Ho cucito utilizzando lo stesso punto elastico e lasciando qualche centimetro per rivoltare (foto 15). Infine ho rivoltato (foto 16) e chiuso l'apertura con dei punti invisibili a mano.


Non resta che infilare una metà del cappellino dentro l'altra e il gioco è fatto. Berretto pronto in circa 15 minuti a costo zero!




Spero tanto che il tutorial ti sia piaciuto e magari di averti dato uno spunto per riciclare qualche capo di abbigliamento che non usi più.
Questo tutorial e il precedente sono i primi che realizzo, quindi se non fossi stata abbastanza chiara nella spiegazione, scrivimi i tuoi dubbi nei commenti, risponderò il prima possibile!

Grazie per leggermi, buon weekend :)
F.

giovedì 9 ottobre 2014

Ode alla macchina da cucire (Ovvero, perché anche tu dovresti averne una...ed imparare ad usarla)

Eccoci qua!
Scusami per il silenzio di queste due settimane. L'autunno è arrivato e ci ha portato i primi malanni, notizie belle e meno belle, tante cose da fare e a cui pensare. E va bene così!

Questo post mi frulla in testa già da tempo.
Negli ultimi anni, alcune mie amiche hanno acquistato o ereditato una macchina da cucire. Ogni volta ho provato una grande gioia per loro, perché so quali vantaggi possa portare imparare ad utilizzare la macchina, in termini pratici ed emotivi.
Vorrei che tutti provassero almeno una volta, anche chi è convinto di essere negato, chi la vede come un'attività complicata, chi pensa di non aver abbastanza tempo...o spazio.


Ecco quindi alcuni dei motivi che secondo me andrebbero valutati prima di escludere a prescindere il cucito dalla tua vita.

- Risparmio: se impari ad usare una macchina da cucire, potrai occuparti personalmente dei piccoli lavori di cui puoi aver bisogno tu o la tua famiglia: accorciare un pantalone, cambiare una cerniera rotta, rammendare i pantaloncini nuovi di tua figlia bucati la prima volta che li ha indossati (non ti dico niente di nuovo? ;-) Se poi ci prendi gusto, potresti anche volerti cimentare nell'autoproduzione di abbigliamento! In rete esistono centinaia di modelli e tutorial completamente gratuiti e di facile realizzazione, quindi non pensare che cucirsi un abito sia cosa per pochi eletti particolarmente dotati! 

- Impara l'arte... e mettila da parte! Una nuova abilità nel tuo bagaglio di conoscenze ed esperienze, ti pare poco?

- Consapevolezza: a questo punto tengo particolarmente.
Imparare a cucire significa rendersi conto di cosa c'è dietro ad ogni lavoro, anche a quello apparentemente più insignificante: dì la verità, quante volte hai pensato "10 euro per un orlo?! Ma ci vorranno 2 minuti!" Cimentarsi in una nuova tecnica (in questo caso il cucito, ma vale per qualsiasi mestiere) ci rende più consapevoli e rispettosi del lavoro altrui.
Inoltre col tempo e la pratica, si fa l'occhio al pregio dei tessuti e alla qualità del confezionamento, rendendoci più attenti ai nostri acquisti.

- Sostenibilità: riutilizzo, refashion, riciclo creativo... ovvero trasformare qualcosa che esiste già ma di cui vorremmo disfarci, in qualcosa che potrebbe ancora esserci utile o di cui abbiamo bisogno. La macchina da cucire diventa come una bacchetta magica, con la quale trasformare una vecchia camicia del marito in un abitino estivo, una polo macchiata in una tutina per il piccolo di casa, o magari dare una seconda chance ad un paio di jeans strappati. 

- Soddisfazione: probabilmente è la cosa più importante, perché creare qualcosa con le nostre mani è fonte di gioia, di orgoglio. E una persona felice è sempre una bella compagnia :)

Non ti ho ancora convinto? Mi gioco l'ultima carta!
- E' una valida (ed economica) alternativa all'analista.
Scherzi a parte - che poi proprio scherzo non è - ogni progetto richiede attenzione esclusiva. Quando sei concentrata a cucire, i pensieri e le preoccupazioni restano fuori dalla stanza, il tuo cervello non ha possibilità di distrarsi. E così ti rilassi, e il lavoro che prende forma tra le tue mani diventa come una terapia. Provare per credere!

Sono solo 5 punti (e un jolly) ma su questo argomento potrei scrivere per pagine e pagine, e non mi sembra il caso.

E tu? Hai mai provato? Se cuci già, cosa ti sentiresti di dire per incoraggiare chi ancora non si è buttata?
Oppure fai parte del team "vorrei ma non posso"? Cosa ti blocca? Ti va di scriverlo in un commento?
Sicuramente affronterò di nuovo l'argomento più avanti, magari da altri punti di vista e partendo dai tuoi preziosi spunti, perché sono decisa a smontare ogni tua incertezza!

Oggi il post era un po' lunghino, grazie per essere arrivata in fondo!
F.

mercoledì 24 settembre 2014

Una borsa a pois

Ogni tanto (tanto tanto), capita che riesca a fare anche qualcosa tutta per me. 
E', ad esempio, il caso di questa borsa a pois. Chi mi segue su Facebook ha già avuto occasione di vederla. La realizzai ad inizio estate con una tela di cotone beige molto carina, acquistata dal negozio ebay Favourite Fabrics (che tra l'altro vi consiglio vivamente, fosse anche solo per perdersi nella miriade di fantasie disponibili). 


Volevo una borsa semplice e capiente, che potesse contenere tutte le mie cose e quelle di Viola (praticamente una seconda casa...). Un paio di manici in pelle che aspettavo di utilizzare da tempo, un paio di moschettoni riciclati da una vecchia borsa, una taschina interna per trovare il cellulare al primo colpo. 


Per tutta l'estate l'ho usata, sfruttata, maltrattata, caricata all'inverosimile. Ma non ha fatto una piega. Via, ad onor del vero è saltato qualche punto dagli attacchi di uno dei manici in pelle. Colpa mia che son testaccia dura ed ho voluto a tutti i costi attaccarli a macchina (anziché a mano come andrebbe fatto), tribolando il doppio e ottenendo un risultato così così. La prossima volta seguirò le istruzioni, promesso!


Tra un po' dovrò riporla e pensare alla borsa per l'inverno...ma solo tra un po' 

Ti do appuntamento alle 9.30 sulla pagina Facebook della Casa per scoprire la vincitrice del giveaway! Buona giornata!
F.

lunedì 22 settembre 2014

{Giveaway} Arrivederci Estate!

Buongiorno e buon lunedì, passato un buon fine settimana?

Qui in Versilia, l'ultimo week-end di estate è rimasto in linea con il resto della stagione, alternando un acquazzone, un timida schiarita, una pioggerella fine e un sole talmente caldo che ti rosolavi come una cipolla nel soffritto. 
Ad ogni modo, è andata. Anche quest'anno l'estate è giunta al termine, domani inizierà ufficialmente l'autunno e in molti siamo giù preoccupati che ci faccia scontare la strana stagione appena conclusa con un ancor più atipico inverno. 
Ma non fasciamoci la testa per adesso. Personalmente, al momento, mi preoccupa di più il cambio degli armadi. Quell'attività faticosa e noiosina, che tendo a rimandare il più possibile.
Perché non cercare di alleviare questa sofferenza con qualcosa di piacevole?
E' passato tanto dall'ultimo giveaway, e anche all'epoca era fine estate.  
E' un piccolo pensiero per ringraziare in modo concreto almeno uno di voi che mi seguite e sostenete con i vostri commenti e like.

Il giveaway si svolgerà sulla mia pagina Facebook e per partecipare sarà sufficiente lasciar un commento sotto al post che riporta questa immagine. 


Sarà possibile lasciare un commento fino alla mezzanotte di domani 23 Settembre, dopodiché conterò i commenti e, con l'aiuto di Random.org, estrarrò il/la vincitore/vincitrice, che riceverà il set composto dalla mia amata giostrina da culla e da tre uccellini profuma biancheria alla lavanda. 
Cosa ne faresti se li vincessi proprio tu? Scrivilo su Facebook per partecipare!

Grazie per leggermi e in bocca al lupo!
F.

mercoledì 17 settembre 2014

Una mattina di fine estate

Viola si diverte sempre un mondo a guardare il babbo che lavora nell'orto, e lo aspetta con impazienza quando, alla sera, va a prendere le uova nel pollaio, perché vuole vedere se sono "taaante!" o meno. 
Se poi le chiedi di fare qualcosa, come bagnare le piantine con il suo spruzzino, aiutarti a strappare via le erbacce dai vasi del terrazzo e spazzare via le foglie con la sua scopetta (il fatto che poi ritrovi foglie ed erbacce davanti la porta di casa è del tutto irrilevante), allora le si illumina lo sguardo e diventa tutta un fremito di soddisfazione

Una domenica mattina di fine estate nell'orto di casa.
"Amore, ci aiuteresti a dividere i pomodorini dei grappoli? Quelli rossi li metti nel cesto e se ne trovi qualcuno verde, lo lasci stare, ok?" - "kaaai"


E pensare che quando glieli mettiamo nel piatto li scansa accuratamente  
Evidentemente c'è più gusto quando puoi mettere in bocca il frutto del tuo lavoro. Sono felice che Viola possa impararlo fin da piccola.

Nota: quella mattina si è mangiata con gran soddisfazione 5/6 pomodorini. Ovviamente continua a scansare in modo sistematico quelli che le mettiamo nel piatto ;)

Buona giornata!
F.


martedì 16 settembre 2014

Il valore è nei dettagli




Sono monotona, è vero, ma lo ripeterò fino allo sfinimento: i dettagli fanno la differenza
Sono loro che distinguono, che danno valore.  E non parlo di valore economico, parlo di emozioni.  



Per i dettagli ci vuole tempo, ci vuole pazienza. Ci vuole amore per ciò che si fa. Non importa se  per lavoro o per diletto, senza passione ogni cosa perde valore, non credi?





Oggi poche chiacchiere (ti è andata bene! :-P ) e qualche foto.
Grazie per la tua visita!
F.

mercoledì 10 settembre 2014

Sogni d'oro Principessa

Ecco, come promesso, il post dedicato al corredino da culla che ho realizzato per una bambina in arrivo. 
La sua zia mi scrisse perché voleva farle un regalo speciale, qualcosa di unico e irripetibile come solo un oggetto fatto a mano può essere. Accontentarla è stato facile, eravamo sulla stessa lunghezza d'onda. Colori neutri, fantasie delicate, un'insieme minimale e romantico.



Decidemmo di comporlo di tre pezzi: un porta pigiamino, l'immancabile giostrina e la morbidissima puff quilt.



Il portapigiamino è un semplice modello a bustina, foderato, con i laccetti sul retro per poterlo appendere al lettino e il velcro dentro la pattina, per rimanere chiuso e in ordine. Un uccellino decorativo riprende il motivo della giostrina.




La giostrina con gli uccellini è un elemento a cui sono molto affezionata. La prima in assoluto la realizzai per Viola, e da quel momento è diventata la mia creazione preferita, una cosa che non mi stanco mai di fare!


Anche se ho il dubbio che questa copertina potrebbe concorrere per diventare la prossima prediletta...la amo, la adoro, mi ispira tenerezza infinita. 






Chissà se la piccola principessa riuscirà a percepire l'amore e la dolcezza che ho messo nel realizzare queste sue cose? Lo spero davvero. Io le auguro giorni pieni di tenerezza e notti colme di sogni d'oro

Photo by La Casa dei Mici. Don't copy or use whitout permission

Spero che il post ti sia piaciuto! Grazie davvero per la tua visita
F.

martedì 9 settembre 2014

Puff quilt, una nuvola di cotone

416, 208, 6, 16, 10... do i numeri? 
Beh, potrebbe anche darsi :) ma in questo caso non è così.


416 pezzetti di cotone, assemblati due a due per formare 208 quadratini da 6 centimetri di lato, cuciti insieme uno alla volta in 16 file, farciti di soffice ovatta uno per uno e poi uniti. Circa 10 ore di lavoro.




Come sempre, i progetti più impegnativi sono quelli che regalano grandi soddisfazioni. Io da questa trapunta non mi volevo più separare.





Ma sono felice, perchè adesso è nella sua nuova casa, ad aspettare la nascita della bambina che farà sogni d'oro insieme a lei. 


Photo by La Casa dei Mici. Don't copy or use whitout permission

Se ti è piaciuto questo soffice piumino, forse ti farà piacere tornare a trovarmi domani. Pubblicherò un post con qualche dettaglio e le foto degli altri due elementi del piccolo corredo volato addirittura in Sicilia!

Buona serata e grazie per la tua visita!
F.


lunedì 8 settembre 2014

{Tutorial} Rinnoviamo il seggiolone



Buongiorno e buon lunedì! 
Oggi ti mostrerò come realizzare in poco tempo, con poca spesa, e senza particolari conoscenze tecniche, un nuovo rivestimento per il seggiolone. 
Non so se ci hai fatto caso, ma nella maggior parte dei rivestimenti impermeabili per seggioloni, così come dei fasciatoi, le varie parti sono saldate e non cucite. Questo perché si tratta di materiale plastico vero e proprio e non di tessuto laminato. Il problema è che le saldature si rovinano abbastanza facilmente, tendono a strapparsi, e dopo un breve utilizzo, può capitare di ritrovarsi il cuscino in queste condizioni:


Il seggiolone di Viola, per l'appunto, necessitava di un makeover da parecchio tempo, ma si sa, il figlio del ciabattino va con le scarpe rotte, no? Finalmente, approfittando di una settimana un po' più tranquilla, sono riuscita a fare questo benedetto lavoro.
Wow, sono un po' emozionata! Come ti avevo anticipato, questo è in assoluto il primo tutorial che realizzo, spero di non far troppi pasticci e che il risultato sia comprensibile :)

COSA OCCORRE:
- la vecchia imbottitura
- cotone laminato (per la parte anteriore)
- (*) stoffa di recupero (per la parte posteriore)
- ovatta sintetica
- carta per modelli (o fogli di quotidiani, viva il riciclo!)
- metro da sarta 
- un pennarello
- pennarello evanescente (o gessetto, o un lapis)
- forbici 
- spille 

TEMPO NECESSARIO: 1h 30' circa

COSTO: meno di 20 euro.

(* parlo di stoffa di recupero perché, dato che viene utilizzata per la parte nascosta del cuscino, ho preferito non usare il cotone laminato - che ha costi abbastanza altini - ma del tessuto sintetico che avevo già in casa)



La prima cosa da fare, è ricavare il modello del cuscino dal vecchio rivestimento. Visto che si tratta di una forma simmetrica, sarà sufficiente disegnare metà modello, che poi andrà posizionato sul tessuto piegato a metà (ma è soltanto un accorgimento, e se ti torna meglio, puoi tranquillamente disegnare il cuscino per intero!).


Ho misurato e segnato con un pennarello il centro del cuscino, l'ho posizionato sul bordo del foglio di carta aiutandomi con i tratti del pennarello, e ne ho disegnato il perimetro. Dopodiché, ho girato il cuscino sul retro per prendere la misura dell'aletta che serve per fermare il rivestimento al seggiolone, e ho disegnato la linea corrispondente sul modello.  
A questo punto ho ritagliato il cartamodello.


Adesso è il momento di iniziare a tagliare la stoffa. Ho iniziato con il cotone laminato.
Come dicevo prima, ho preferito ricavare metà modello, quindi ho piegato la stoffa e poggiato la forma facendo corrispondere la piegatura con il centro del mio disegno. Siccome la lamina di questi tessuti, se bucata con gli spilli, presenta poi degli antiestetici forellini, ho utilizzato delle comunissime (ma utilissime) mollette per capelli, per tenere fermo il tutto. Fissato il cartamodello, ho tracciato il perimetro con il pennarello evanescente (il tratto scompare dopo un paio di giorni). Dal laminato, ho ricavato anche l'aletta.
Dopo aver tagliato il cotone laminato, allo stesso modo ho ricavato il modello dal tessuto di recupero.
NB: nel tagliare la stoffa, ho lasciato un margine di cucitura di un centimetro.



Per quanto riguarda l'ovatta, ho preferito lasciare il pezzo intero e tagliarlo solo dopo aver cucito insieme tutte le parti.
Ecco in sequenza come ho preparato i vari strati per l'assemblaggio del cuscino:

Per prima l'ovatta.


Poi il cotone laminato con il diritto verso l'alto.


Successivamente ho appoggiato l'aletta, stavolta con il lato diritto verso il basso.


E infine il tessuto.


A questo punto, ho fermato insieme i vari strati con gli spilli. Lo so che ho appena detto che spilli e laminati non vanno d'accordo, ma li ho messi sul margine di cucitura, quindi non problem :)


Ho cucito tutto il perimetro con un normalissimo punto dritto, lasciando aperti circa 10 centimetri per rivoltare il lavoro. Ho rifilato l'ovatta e rivoltato il tutto. Una volta chiusa l'apertura, ho trapuntato la seduta per facilitare la piegatura delle alette laterali, e lo schienale (le linee tratteggiate che si vedono nella foto del cartamodello, sono il riferimento per queste cuciture).

Finito! Ecco il risultato.





Photo by La Casa dei Mici. Don't copy or use whitout permission

Questo è tutto. Sicuramente mi sono dimenticata qualcosa, ma spero che il risultato ti piaccia e mi raccomando, se sono stata poco chiara in qualche passaggio, se hai dubbi o curiosità, scrivimi! Ti risponderò il prima possibile!

Grazie per leggermi
F.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...