lunedì 31 marzo 2014

Quando il tempo è speso bene



Spesso i lavori più impegnativi sono anche quelli che danno maggiori soddisfazioni.
Questo paracolpi è un esempio calzante.  


Il tempo speso nel progettarlo, la ricerca dei materiali giusti, la scelta della palette e delle fantasie, 
la cura dedicata ai dettagli, cuciti uno dopo l'altro.



Non è un lavoro che si fa in un paio d'ore. 
Ma una volta finito e sistemato nel lettino di Viola per far le foto per questo post, 
la soddisfazione è tanta.


Questo paracolpi non è per la mia bambina, ma ci ho messo tutto l'amore e la cura che 
ci avrei messo per lei.


Spero tanto di trasmettere un po' di questo amore e questa cura alle persone che lo riceveranno, 
e che i sogni del bambino (o bambina) che dormiranno tra queste casine, siano sempre d'oro!


Dolce notte e grazie per leggermi.
Fabrizia

giovedì 20 marzo 2014

A little Reading Nook

Se siete anche voi Pinterest addicted (ammettiamolo, è come una droga), avrete notato che spesso, durante le ore perse passate a saltellare da una foto all'altra, si scoprono cose nuove e termini fino a quel momento sconosciuti. Non solo. Da quel momento la nuova parola entrerà a tutti gli effetti nel nostro personalissimo vocabolario, e non mancheremo occasione per sfoggiarla con naturalezza e un po' di sufficienza:
 - Sai, vorrei proprio ricavare un piccolo reading nook nella cameretta della bimba - 3 secondi di smarrimento dell'interlocutore - Un ridi-che??- 



Comunque, scherzi a parte, a me l'idea del reading nook era piaciuta davvero. Come dite? Un ridi-che? :) Un reading nook, ovvero un angolino per la lettura (e allora parla come mangi!!)
L'ho davvero scoperto su Pinterest, cercando idee e ispirazione per la cameretta di Viola, e mi è piaciuto perché la nostra bambina inizia ad avere una discreta scelta di libricini, nonostante la giovanissima età :) e contiamo di far crescere ancora la sua collezione. Le piace guardare le figure mentre le raccontiamo la storia e spesso è proprio lei a scegliere la favola e portarci il libro che vuole "leggere".


Ho immaginato un posticino comodo e coccoloso dove rifugiarsi coi suoi libricini, e così le ho confezionato un cuscino a sacco, utilizzando stoffe di recupero per il cuscino interno e la parte esterna sfoderabile, ed infide, svolazzanti, palline di polistirolo per l'imbottitura.


Anche per il modello del cuscino ho preso spunto da immagini trovate su Pinterest. Non ho trovato un vero e proprio tutorial (non escludo che esista, non l'ho cercato più di tanto), così mi sono arrangiata alla vecchia maniera:  disegnando un cartamodello partendo dall'idea che avevo in testa e apportando alcune modifiche durante la confezione.


Questo è il risultato. A Viola è piaciuto e questo è l'importante :)


E voi? Quali sono le scoperte che avete fatto grazie a Pinterest?

A presto, Fabrizia

sabato 15 marzo 2014

Grembiulini laminati

Nel post precedente vi ho fatto vedere alcuni pensierini realizzati per dei cuccioli piccini picciò.
Questi invece sono per bambini appena più grandicelli, ed ho utilizzato i cotoni laminati che mi piacciono tanto!

Per le due bimbe della stessa età della mia (un anno e mezzo), ho pensato a due grembiulini impermeabili.
Il mio primo grembiulino cerato lo realizzai per Viola alcuni mesi fa. E' risultato molto utile per salvaguardare i vestiti dalle abbuffate un po' porcellose di mia figlia. 
Avevamo comprato anche i grembiuli di ikea, ma sono di un tessuto diverso, non esattamente impermeabile, perché ho notato che quando Viola si sbrodolava con qualche cosa di particolarmente umido, come le minestrine, o la stessa acqua, se non ero abbastanza veloce a pulirla, trovavo gli abitini umidi...con questo invece mai successo!


E quando la piccola inizierà a colorare con pennarelli e affini, spero che il grembiulino continuerà a fare il suo dovere.


Per i tre maschietti più grandi invece ho fatto tre astucci. Per il momento contengono un asciugamanino, o meglio una lavetta, realizzata per l'occasione in morbidissima spugna di bamboo, e uno spazzolino da denti. Una piccola trousse insomma. 


Inizialmente temevo di aver fatto un regalo noioso e bacchettone, ma una delle mamme mi ha rincuorato raccontandomi che il piccolo ha un debole per gli spazzolini da denti! 
Non speravo tanto, ma ognuno ha i suoi gusti! :)


Le stoffe utilizzate per queste creazioni, le ho acquistate in America dal negozio Laminates su Etsy.
Purtroppo le spese di spedizione e le tasse doganali diminuiscono nettamente il risparmio di acquistare questo tipo di stoffe direttamente negli USA, ma la varietà di fantasie è tanta che vale comunque la pena!

A presto!
Fabrizia

venerdì 14 marzo 2014

Amiche un po' speciali: le Dicembrine

Voi credete nelle amicizie a distanza? No, la domanda non é corretta. 
Voi credete nelle amicizie nate sui social network e mantenute a distanza? Le equiparate a quelle "reali"?
Se mi avessero posto questa domanda 6 o 7 anni fa, molto probabilmente avrei detto di no, forse anche con un'espressione come a dire "ma sei fuori?!".
Bene, oggi posso affermare che rispetto ad una amicizia nata in maniera tradizionale, non solo un'amicizia nata online può esistere e resistere nel tempo, ma può dare le stesse sensazioni, emozioni e sostegno. 


Cinque anni fa ero nel pieno dei preparativi per il matrimonio e iniziai a frequentare un forum di settore. Mi sarei sposata in dicembre, così entrai a far parte del gruppo dedicato alle spose di quel mese. Eravamo davvero tante per essere una stagione così poco usuale per i matrimoni. 


Una volta sposate continuammo (non tutte ma una buona parte di noi) a frequentare per un po' il forum, poi decidemmo di aprire una mailing list per parlare più liberamente, dato che iniziava ad esserci una certa confidenza. Dopo la mailing list arrivò l'epoca di Facebook, e da lì alla creazione di un gruppo su What's App il passo è stato breve. Siamo in 12, da tutta Italia, in contatto quotidianamente. In questi anni abbiamo condiviso gioie e dolori, ci siamo fatte grasse risate e a volte siamo state in ansia per l'una o per l'altra. 


Il desiderio di incontrarsi c'è sempre stato, e così un mesetto fa abbiamo preso la decisione. Sapevamo che sarebbe stato impossibile riuscire a conciliare gli impegni lavorativi e familiari di tutte, infatti solo 6 di noi sono riuscite a partecipare. Ciò nonostante abbiamo deciso un luogo, Roma, e una data, il weekend dell'8 Marzo. I preparativi per questo viaggio sono stati emozionanti, ma mai quanto il primo vero abbraccio non virtuale! 
Passato questo momento però, è stato tutto molto naturale, un po' come continuare un discorso interrotto la sera prima. E confrontandoci una volta tornate a casa, abbiamo tutte avuto la sensazione di una conferma: l'amicizia che ci lega è davvero identica a quelle tradizionali, solo che è nata al contrario: prima ci siamo conosciute e poi incontrate :)


Le cose che ho fotografato, sono alcuni pensierini che avevo preparato per i bimbi delle mie amiche.
Per il più piccolo e per i due fagottini ancora nelle pance delle loro mamme, avevo preparato delle giostrine simili a quella che realizzai per la mia cucciola (potete vederla in alto, nel titolo del blog).



 Per i più grandicelli (si fa per dire, i più grandi hanno 3 anni :) invece avevo realizzato grembiulini e astucci in cotone laminato. Ve li mostrerò nel prossimo post.


A presto!
Fabrizia
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...